Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l'Italia per il rapimento e la detenzione illegale dell'ex imam di Milano Abu Omar: Roma ha violato il diritto di Abu Omar a non essere sottoposto a tortura e maltrattamenti.

Tenuto conto delle prove, la Corte ha stabilito che le autorità italiane erano a conoscenza che Abu Omar era stato vittima di un'operazione di trasferimento forzato ("extraordinary rendition", detenzioni e trasferimenti illegali compiute dalla CIA) cominciata con il suo rapimento in Italia (a Milano nel 2003) e continuata con il suo trasferimento all'estero - afferma la Corte.

L'Italia, secondo i giudici di Strasburgo, ha inoltre violato il diritto dell'ex imam e della moglie al rispetto della vita familiare.

I giudici hanno quindi stabilito che l'Italia deve pagare 70'000 euro a Abu Omar e 15'000 a sua moglie per danni morali.

La sentenza diverrà definitiva tra tre mesi se lo Stato italiano non chiederà e otterrà dalla Corte di Strasburgo un nuovo esame davanti alla Grande Camera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS