Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Robert Seldon Lady, ex capo della Cia a Milano condannato in Italia per il rapimento di Abu Omar, è stato arrestato a Panama e consegnato all'Interpol. Lo hanno reso noto ieri sera fonti del ministero della Sicurezza locali, confermando che l'arresto è avvenuto alla frontiera con la Costa Rica.

L'arresto a Panama dell'ex capo della Cia a Milano riapre il caso Abu Omar e rischia di generare tensioni tra Roma e Washington. Negli Usa la notizia è giunta come un fulmine a ciel sereno.

Per ora da parte dell'amministrazione Obama non c'è stata alcuna reazione ufficiale sulla vicenda. Ma nei corridoi governativi c'è la consapevolezza delle conseguenze che potrebbe avere una domanda di estradizione avanzata da Roma per riavere colui che fu la mente del rapimento dell'ex imam di Milano, sospettato di essere un terrorista. Un episodio per il quale Bob Lady nel 2003 fu condannato a 9 anni.

Ora ci sono due mesi di tempo: quelli che l'Italia ha a disposizione per mettere a punto le carte per chiedere l'estradizione di Bob Lady, dopo la richiesta di fermo provvisorio firmata dal ministro della giustizia di Roma Anna Maria Cancellieri.

Difficilmente Washington accetterà di estradare in un altro Paese un proprio cittadino. Lady è l'unico membro della vicenda Omar per cui era scattato il mandato di cattura internazionale, come voluto dall'ex ministro di giustizia Paola Severino, che invece decise di non prendere la stessa decisione per gli altri 22 cittadini americani coinvolti nel rapimento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS