Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un accordo sulla fornitura di movimenti meccanici ai concorrenti è stato trovato fra Swatch Group e la Commissione della concorrenza (COMCO). Messo in consultazione fino a fine agosto, il testo fa storcere il naso a diverse società orologiere.

Suscettibile a modifiche future, l'accordo è stato reso pubblico dal sito specializzato Business Montres. Il progetto prevede che Swatch possa ridurre drasticamente la fornitura di componenti alle società concorrenti. Fra il 2014 e il 2015, dovrà fornire il 70% della quantità offerta nel 2010, quota che scenderà al 50% nei due anni successivi per poi arrivare al 30%. L'assortimento dell'offerta potrà diminuire dal 10 al 20% ogni due anni, mentre le tariffe cresceranno dal 5 al 10% all'anno.

"Queste cifre non sono sufficienti per permettere alle società del settore di trovare nuove risorse di approviggionamento", ha affermato oggi alla RTS Alain Spinedi, direttore della Louis Erard. "La crescita di queste società sarà penalizzata".

Circa un anno fa, la COMCO aveva aperto un'inchiesta per abuso di posizione dominante contro Swatch Group. La società con sede a Bienne (BE) nel 2009 aveva infatti annunciato di voler abbandonare la fornitura di alcuni componenti a imprese terze. "Attualmente le società acquistano i movimenti meccanici degli orologi, altrimenti non si troverebbero più prodotti fra i 750 e i 2500 franchi sul mercato, visti i costi di produzione", ha aggiunto Spinedi. "La COMCO è al servizio di Swatch Group attraverso Johann Schneider-Ammann, che faceva parte del consiglio d'amministrazione della società", ha tuonato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS