Navigation

Accuse ex ministro Giustizia, via libera a inchiesta su Bolsonaro

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/Eraldo Peres sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2020 - 09:50
(Keystone-ATS)

La Corte Suprema del Brasile ha autorizzato un'inchiesta sul presidente Jair Bolsonaro.

La decisione nasce dallo scontro tra lo stesso presidente e l'ex ministro della Giustizia, Sergio Moro, che la scorsa settimana si è dimesso accusando Bolsonaro di "interferenza politica" per il licenziamento del capo della polizia federale Mauricio Valeixo.

Secondo la Corte Suprema, che si è espressa su una richiesta della procura generale, le indagini sul conto di Bolsonaro dovranno concludersi entro 60 giorni.

Moro era una delle figure più importanti dell'amministrazione di Bolsonaro e negli anni scorsi aveva guidato l'inchiesta "Lava Jato" che aveva portato all'arresto dell'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.