Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La leader del Front National Marine Le Pen e il vicepresidente Jean-François Jalkh (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/JACQUES BRINON

(sda-ats)

Investito dalle polemiche per presunte affermazioni negazioniste, il dirigente del Front National, Jean-François Jalkh, che ha rifiutato oggi la designazione a presidente ad interim del partito, ha querelato il quotidiano Le Monde per diffamazione.

La querela, secondo quanto reso noto dal legale di Jalkh, si riferisce all'articolo di Le Monde di oggi dal titolo "Autore di affermazioni negazioniste, Jean-François Jalkh alla fine non sarà presidente del FN". Jalkh precisa di "non aver mai pronunciato la minima affermazione negazionista" e che considera tali affermazioni "non veritiere e lesive della propria onorabilità".

"Jean-François è molto colpito dalle accuse e ha sporto querela. Nella direzione del Front National nessuno difende tesi del genere": lo ha detto Marine Le Pen, candidata alle presidenziali francesi. "Su questo argomento, d'altra parte - ha detto ancora la Le Pen - ho rotto con mio padre".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS