Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo biotecnologico basilese Actelion ha annunciato oggi di aver realizzato nel primi nove mesi dell'anno un utile netto di 452 milioni di franchi, in calo del 20% rispetto allo stesso periodo del 2014. Il fatturato è invece salito del 2% a 1,5 miliardi.

A tasso di cambio costante la progressione del giro d'affari è del 5%, indica Actelion in un comunicato odierno. L'utile operativo è da parte sua progredito del 3% a 533 milioni di franchi (+7% a tasso di cambio costante).

Il gruppo motiva la progressione del giro d'affari con il buon andamento del suo farmaco Opsumit, un preparato per il trattamento dell'ipertensione arteriosa destinato a sostituire Tracleer. Le vendite hanno infatti raggiunto 354 milioni di franchi. A fare la parte del leone è stato comunque Tracleeer - 934 milioni di franchi, ma in calo del 14% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, precisa la nota.

Il Ceo di Actelion Jean-Paul Clozel, si è detto molto soddisfatto del mercato degli affari dei primi nove mesi. I progressi futuri, ha aggiunto Clozel all'agenzia finanziaria awp, dovrebbero estendere lo spettro di attività dell'impresa. Clozel non ha tuttavia voluto esprimersi a proposito di eventuali acquisizioni, in particolare quella dell'americana ZS Pharma.

Le cifre presentate da Actelion superano nettamente le previsioni degli analisti consultati dall'awp. Le vendite di Opsumit erano attese per 336 milioni.

Verso le 11:30 il titolo di Actelion guadagnava il 2,72%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS