Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Aharon Appelfeld, uno dei più apprezzati e prolifici scrittori israeliani, si è spento oggi all'età di 85 anni (foto d'archivio)

KEYSTONE/AP/WILL YURMAN

(sda-ats)

Aharon Appelfeld, uno dei più apprezzati e prolifici scrittori israeliani, infaticabile narratore dell'ebraismo europeo degli anni antecedenti e di quelli seguiti alla Shoah, si è spento a Gerusalemme all'età di 85 anni.

Era nato in un piccolo villaggio nei Monti Carpazi, a suo tempo in Romania e oggi situato in Ucraina. Fluente in varie lingue, fra cui lo yiddish (idioma ebraico dell'Europa orientale) e il tedesco, apprese l'ebraico solo dopo la sua immigrazione in Israele.

Ma presto seppe padroneggiarlo alla perfezione. In un'intervista alla radio militare lo scrittore Amos Oz ha ricordato oggi con commozione di essersi avvicinato alla letteratura quando era ancora ragazzo in un Kibbutz durante le lezioni tenute da Appelfeld, che era approdato in Israele non molto prima.

Autore di una cinquantina di romanzi, sono molti i libri di Appelfeld tradotti in italiano, per la maggior parte da Guanda ma anche da Giuntina e Feltrinelli. Fra questi in cui lo scrittore israeliano, sopravvissuto all'Olocausto, ha saputo dar voce alla sua terribile esperienza facendone un tema universale: 'Badenheim 1939', 'Storia di una vita', 'Paesaggio con bambina', 'Il ragazzo che voleva dormire', 'Fiori nelle tenebre', 'Una bambina da un altro mondo', 'L'amore, d'improvviso', 'Oltre la disperazione', 'Il partigiano Edmond', 'Fiori nelle tenebre' e 'Giorni luminosi'.

Mentre Feltrinelli ha pubblicato 'Il mio nome è Caterina' e 'Una bambina da un altro mondo'. Per Giuntina sono usciti invece: 'Storia di una vita', 'Tutto ciò che ho amato' e 'Notte dopo notte'. Appelfeld ha ottenuto numerosi riconoscimenti, in Israele e all'estero.

All'origine della opera monumentale di Appelfeld c'è la sua travagliata infanzia da cui avrebbe tratto (a volte con sua ''sorpresa'') infiniti spunti. Nell'ultima intervista, al giornale Makor Rishon, ha ricordato di essere nato in una famiglia di ebrei laici. Con la occupazione tedesca del suo villaggio, iniziò lo sterminio degli ebrei. Sua madre fu uccisa a breve distanza da lui (''Sentii il suo lungo urlo, poi più niente'').

In spalla il padre lo portò in una marcia forzata verso un campo di concentramento. Aveva otto anni quando riuscì a fuggire da solo, vivendo nei boschi. Poi si sarebbe imbattuto in malviventi, che gli diedero assistenza ignorando che fosse ebreo. Visse da una prostituta, frequentò ladri di cavalli. ''Fu quella la mia scuola'', ha commentato. Questi elementi sarebbero poi tornati in numerosi suoi libri, fra cui il celebre ''Fiori nelle tenebre''.

''Per Appelfeld - ha osservato Oz - la Shoah era una sorta di Chernobyl'': ossia un luogo talmente terribile da non consentire ad alcuno di avvicinarsi. Nei suoi libri non ci sono camere a gas nè descrizioni di altri orrori: ''perché le parole - spiegava - non bastano''.

Preferiva raccontare la Shoah ''come una storia di amore: l'amore per i genitori o i nonni perduti. La riconoscenza per uno sguardo di compassione ricevuto in un ambiente ostile, o per una mezza fetta di pane regalata da una persona affamata. Nelle sue peregrinazioni - osservava - si era imbattuto in preziosi momenti di amore e di nobiltà d'animo''.

Uscito in ebraico poche settimane fa, il suo ultimo romanzo si intitola 'Giorni luminosi' (in Italia uscirà postumo per Guanda il 25 gennaio): ancora una volta un richiamo alla sua sensazione di essere rimasto inchiodato ai ricordi di infanzia. Espressioni di cordoglio sono giunte dal Capo dello Stato Reuven Rivlin, che era un suo amico personale, e da numerosi esponenti del mondo della cultura. I funerali si svolgeranno domenica a Gerusalemme.

"Con la morte di Aharon Appelfeld scompare uno degli ultimi, grandi testimoni della Shoah e insieme uno dei maggiori scrittori israeliani", sottolinea il presidente Guanda Luigi Brioschi annunciando che "la casa editrice Guanda, che ha in catalogo molta parte dell'opera di Appelfeld e si appresta a pubblicare un suo nuovo libro, ricorda l'autore, l'amico e la felice, intensa collaborazione avuta con lui per tanti anni".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS