L'Associazione europea di libero scambio (AELS), di cui fa parte la Svizzera, ha fatto un primo passo in vista dell'apertura di negoziati per un accordo con il Kosovo.

Durante un incontro ministeriale a Ginevra, presieduto dal consigliere federale Johann Schneider-Ammann, i Paesi dell'AELS hanno firmato un dichiarazione d'intenti con Pristina.

Il Kosovo, rappresentato nella città di Calvino dal suo ministro del commercio Endrit Shala, è il solo Paese della regione a non beneficiare di un accordo con i quattro Paesi dell'AELS (Norvegia, Liechtenstein, Islanda e Svizzera).

Nel corso della firma, Schneider-Ammann ha affermato che questa dichiarazione - seppur ancora molto generale - è "estremamente importante" visti gli stretti legami tra Berna e Pristina.

Shala ha detto all'agenzia Keystone-ATS di essere contento per questo "nuovo periodo nella collaborazione" tra l'AELS e il suo Paese.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.