Navigation

Aerei: JAL; OK a bancarotta protetta, taglia 15.600 posti

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 gennaio 2010 - 11:41
(Keystone-ATS)

TOKYO - Japan Ailines dovrà rinunciare a un terzo della forza lavoro, 15.600 dipendenti, nell'ambito delle misure previste dal piano di rilancio i cui punti principali sono stati diffusi a seguito del deposito della richiesta di bancarotta protetta.
Nel progetto della Etic, l'ente semipubblico e governativo, cui l'esecutivo di Yukio Hatoyama ha dato mandato per un piano di rilancio, è fissata l'iniezione di capitali pubblici, per 300 miliardi di yen (circa 3,40 miliardi di franchi).
Prevista, inoltre, la richiesta ai creditori di rinunciare a circa 730 miliardi di yen su un totale di 2.322 miliardi di debiti che la compagnia ha accumulato al 30 settembre scorso.
Tra gli altri punti, si legge in una nota, figurano la cancellazione di 14 rotte internazionali e di 17 nazionali, oltre che il delisting di Borsa dei titoli Jal a partire da domani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.