Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I corpi dei due piloti dell'aereo AirAsia QZ8501, precipitato nel Mar di Giava il 28 dicembre scorso, sono stati ritrovati dalle squadre di ricerca, che ne stanno completando il recupero questa mattina. Lo riferisce la stampa indonesiana.

I resti dei due piloti - l'indonesiano Iriyanto e il co-pilota francese Remy Plesel - sono stati ritrovati seduti ai loro posti nella cabina di pilotaggio, a venti metri dal punto in cui è stata individuata la fusoliera.

Le squadre di ricerca hanno finora ritrovato i resti di 98 delle 162 persone a bordo, in operazioni rese difficili dalle forti correnti in quel tratto di mare. Alcuni detriti dell'aereo sono stati recuperati a quasi un migliaio di chilometri di distanza dal punto dell'impatto con l'acqua.

Secondo le ricostruzioni delle autorità indonesiane, anche in base ai dati contenuti nelle scatole nere, l'Airbus è precipitato dopo che i piloti erano saliti di quota in maniera troppo accentuata per evitare un'area di forte maltempo. La manovra avrebbe causato lo stallo del jet, facendo perdere il controllo ai piloti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS