Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le ricerche dell'aereo della Malaysia Airlines scomparso in marzo con 239 persone a bordo si concentreranno ora nel '7mo arco' dell'Oceano Indiano, fra le latitudini di 20 gradi e 39 gradi a sud. Lo annuncia un comunicato dell'Australian Transport Safety Bureau (Atcb), secondo cui è quella l'area, al largo della costa occidentale dell'Australia, in cui si crede che il velivolo abbia esaurito il carburante e sia precipitato in mare. È anche l'area in cui vi è stato l'ultimo contatto satellitare con l'aereo.

"Di conseguenza, è improbabile che l'aereo sia caduto più di 38 km a ovest o 55 km a est del '7mo arco', sostiene l'Actb, secondo cui l'area di ricerca sottomarina potrà limitarsi nelle prossime settimane a 60 mila kmq.

In precedenza, le ricerche sottomarine avevano coperto un'area di 4,64 milioni di kmq di oceano. le prossime ricerche sottomarine inizieranno in agosto e dureranno 12 mesi. Il governo australiano ha accantonato l'equivalente di 42 milioni di euro per pagare un'impresa privata che conduca le nuove ricerche.

SDA-ATS