Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Diverse decine di parenti delle vittime cinesi del volo della Malaysia Airlines MH370, scomparso l'8 marzo scorso con 239 persone a bordo mentre sorvolava l'Oceano Indiano, hanno manifestato questa notte davanti all'Ambasciata malese a Pechino, chiedendo di essere ricevuti dai funzionari.

La protesta fa seguito al burrascoso incontro avvenuto ieri tra le famiglie e i rappresentanti della compagnia aerea, che ha richiesto l'intervento della polizia. "Ho passato tutta la notte davanti all'ambasciata e ci sono ancora molte persone in attesa fuori", ha spiegato stamane Wen Wan-cheng, uno dei manifestanti, che ha perso il figlio nell'incidente aereo. I parenti delle vittime hanno soggiornato per quasi 50 giorni in un hotel di Pechino dove sono state organizzate riunioni periodiche con i leader delle Malaysia Airlines e le autorità malesi.

SDA-ATS