Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Aeroporto Zurigo: grandi prove di soccorso per esplosione bomba

Keystone/CHRISTIAN MERZ

(sda-ats)

Grande esercitazione di soccorso oggi all'aeroporto di Zurigo: circa 400 persone dei servizi di pronto intervento e 300 comparse hanno simulato un attentato con una bomba tubo.

È stata simulata l'esplosione di una bomba artigianale fatta esplodere con un telecomando in un bus, con un ipotetico bilancio di diversi morti e 50 feriti. Il tutto preceduto da una telefonata di minacce di una dipendente dell'aeroscalo che si sarebbe voluta in tal modo vendicare per il licenziamento.

"Uno scenario alquanto realistico", anche se la probabilità che ciò accada è piuttosto remota, ha dichiarato il responsabile della sicurezza dell'aeroscalo Rudolf Farner. L'importante è "usare tutti i mezzi a disposizione per evitare di trovarsi in una simile situazione", ha aggiunto.

Subito dopo l'esplosione sul posto sono arrivati i primi veicoli dei pompieri, della polizia e un'ambulanza. Il fuoco è stato domato nel giro di pochi minuti e di seguito sul luogo dell'attentato sono arrivate 30 ambulanze.

L'esercitazione si è svolta sotto la supervisione dell'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) ed ha visto la partecipazione di donne e uomini della polizia cantonale, dei servizi di soccorso, dell'aeroporto, del Ministero pubblico e della protezione civile. Simili simulazioni vengono organizzate ogni due anni su richiesta dell'organizzazione internazionale per l'aviazione civile ICAO.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS