Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo energetico Alpiq vende la sua filiale Hydro Ticino, proprietaria dell'impianto idroelettrico del Lucendro, all'Azienda Elettrica Ticinese (AET). Stando a un comunicato diffuso dal gruppo solettese in serata, l'intesa è stata firmata oggi.

L'operazione dovrebbe essere finalizzata ancora nel primo semestre. Non sono stati forniti dettagli finanziari.

In una propria nota AET spiega che la transazione permette all'azienda di acquisire l'impianto del Lucendro con 9 anni di anticipo rispetto al termine della riversione. Nel corso del 2013 i Cantoni di Uri e Ticino avevano respinto la richiesta di rinnovo della concessione per lo sfruttamento delle acque del Lucendro presentata da Alpiq, confermando la volontà di riappropriarsi dell'impianto.

Quest'ultimo sfrutta due bacini imbriferi - i laghi artificiali del Lucendro e del Sella - sul Gottardo. Con una capacità di accumulo di 34 mio di m3 di acqua e una potenza installata di 60 MW, l'impianto produce mediamente 100 GWh di energia elettrica all'anno. Il rilevamento permette ad AET di gestire l'intero parco di produzione idroelettrica della Leventina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS