Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Richard Ferrand, il ministro francese della coesione territoriale messo sotto accusa dal Canard Enchainé (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP AFP POOL/ERIC FEFERBERG

(sda-ats)

Richard Ferrand, il ministro francese della coesione territoriale messo sotto accusa dal Canard Enchainé "può restare al governo anche se capisco l'esasperazione dei francesi di fronte a questi eventi successivi": lo ha dichiarato il premier Edouard Philippe.

"Ma in futuro - ha aggiunto Philippe in un intervento tv - mi sono fissato delle regole chiare: un ministro indagato dovrà dare dimissioni. Immediate. E dovrà essere esemplare anche nella vita privata. I comportamenti passati, che non erano comunque illegali, non potranno più essere tollerati e saranno proibite assunzioni di famigliari".

Il caso Ferrand è una delle grane che sta mettendo in imbarazzo il governo: dopo le rivelazioni sul ministro della coesione territoriale del Canard Enchainé, che ha rivelato che il gruppo Mutuelles de Bretagne di cui era direttore generale attribuì un appalto alla compagna e che assunse suo figlio come assistente parlamentare, Le Parisien ha rivelato che Marielle de Sarnez, ministro degli Affari europei è oggetto di un'inchiesta preliminare su un presunto impiego fittizio di una sua assistente a Strasburgo.

Il presidente Emmanuel Macron ha fatto della moralizzazione della vita pubblica - una cui proposta di legge sarà discussa il 14 giugno, una settimana più tardi del previsto - una priorità nella sua campagna presidenziale, il che offre spunti di forte critica da parte dell'opposizione. François Baroin, leader dei Républicains, aveva chiesto al governo di esprimersi sul caso Ferrand: "Bisogna uscire dal silenzio e che il ministro della giustizia e il governo diano la linea di come trattano questa situazione".

In effetti da giorni ci si interroga anche sul silenzio di François Bayrou, ministro della Giustizia. Che non comunica a parole ma tramite social nework. Stanotte, dopo che Marielle de Sarnez ha pubblicato sul suo account Twitter un comunicato di difesa della sua situazione, Bayrou ha messo un 'like' di apprezzamento e lo ha ritwittato. Un modo per sostenere de Sarnez, suo braccio destro nel partito MoDem che però non è piaciuto ai magistrati, perché può sembrare una forma di pressione da parte del ministro della Giustizia.

La ministra ha poi sporto denuncia contro Sophie Montel, europarlamentare del Front National, all'origine dell'apertura dell'inchiesta su 19 eurodeputati perché il partito di estrema destra sembra voler dimostrare che tali pratiche, di cui anche Marine Le Pen è accusata, erano ampiamente diffuse.

Intanto Richard Ferrand ha dichiarato "Rifiuto e condanno tutti i sospetti", dopo che il quotidiano Le Monde lo ha accusato di 'mescolare le cose', cioè 'affari privati e vita pubblica' e di 'aver fatto usufruire di diversi contratti persone vicino a lui, tra cui la sua ex moglie e la sua compagna'. Il ministro ha risposto così: "Con la scusa di una presentazione oggettiva l'articolo fa un amalgama e lascia spazio a tutti i sottintesi senza mai provare niente".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS