Tutte le notizie in breve

Case in affitto a Zurigo

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

In Ticino e nella Svizzera orientale gli affitti sono più convenienti che nel resto della Confederazione. Fatta eccezione per Lugano, in queste regioni i prezzi mensili lordi si attestano sotto i 2000 franchi per un appartamento medio di 3,5 locali e 80 metri quadri.

Lo mette in evidenza una valutazione pubblicata oggi da ImmoScout 24.

Nella città in riva al Ceresio, il costo ammonta invece a 2080 franchi, una cifra che comunque resta ben lontana dal picco massimo svizzero, che appartiene a Ginevra (3585 franchi) davanti a Zurigo (3535). "Per la loro elevata forza economica" in questi due centri urbani "la richiesta di spazi abitativi è come sempre molto forte", afferma Martin Waeber, direttore di ImmoScout24 citato in una nota odierna.

Segue Zugo (2570 franchi), che, stando a Waeber, è luogo molto ambito per la sua posizione geografica centrale, sul lago e "valida dal punto di vista degli assi stradali". Inoltre, il basso carico fiscale "attira lavoratori altamente qualificati che guadagnano bene".

Più care di Lugano anche Losanna (2430 franchi), Berna (2380) e Basilea (2145), mentre gli affitti sono leggermente più a buon mercato in quel di Lucerna (2050 franchi).

Le abitazioni più convenienti si trovano a Ziegelbrücke, dove un appartamento medio costa circa 1370 franchi al mese. Il comune glaronese è tallonato da Chiasso (1380). I prezzi immobiliari riscontrati a Bellinzona (1540 franchi) sono invece identici a quelli di Landquart (GR) e sulla falsariga di Olten (SO, 1555), Sargans (SG, 1565) e Flüelen (UR, 1575).

La valutazione è stata effettuata insieme all'azienda di consulenza immobiliare IAZI AG in più di 20 località elvetiche selezionate sulla rete ferroviaria FFS.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve