Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Primo semestre "deludente" per AFG Arbonia Forster, che in seguito alla pressione del franco forte ha deciso di delocalizzare all'estero fino a 320 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi al trasferimento di 150-200 impieghi già annunciato in primavera.

La perdita netta del gruppo turgoviese - attivo a livello internazionale negli equipaggiamenti (finestre, porte, impianti sanitari e superfici) per immobili in costruzione - si è ulteriormente aggravata passando da 2,6 a 132,6 milioni di franchi. A livello operativo (EBIT) la perdita è aumentata da 5,8 a 125,4 milioni.

Le tre divisioni del gruppo hanno sofferto dell'abolizione della soglia di cambio minima tra euro e franco, che ha accresciuto la concorrenza dei prodotti provenienti dall'Europa.

Di fronte alla pressione costante dei costi e delle importazioni sul mercato elvetico, il gruppo prevede di effettuare delocalizzazioni in paesi europei per le due divisioni Involucri e Tecnica della costruzione. Si tratta di assicurare una competitività a lungo termine in Europa, ha precisato AFG.

Concretamente, nell'ambito della ristrutturazione del fabbricante di finestre EgoKiefer, nel corso del 2016 il gruppo trasferirà la produzione da Villeneuve (VD) a Pravenec, in Slovacchia, dove è già in corso lo spostamento annunciato in marzo di 150-200 posti nella produzione di finestre un tempo insediata ad Altstätten (SG). Il sito romando sarà chiuso e verrà soppressa una novantina di impieghi.

AFG ha anche annunciato l'acquisizione del fabbricante tedesco di finestre Wertbau, finora fornitore del gruppo turgoviese. L'operazione comporta a sua volta una delocalizzazione: nei prossimi tre anni potrebbero essere trasferiti da Altstätten a Langenwetzendorf, in Germania, fino a 160 posti di lavoro.

Inoltre, nel comparto Tecnica della costruzione la società prevede di spostare la produzione di radiatori speciali da Arbon (TG) a Stribro, nella Repubblica ceca, dove AFG dispone già di uno stabilimento di produzione. Ciò si tradurrà nella cancellazione di una settantina di impieghi nella località turgoviese entro la fine dell'anno prossimo.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS