Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il bilancio delle forti nevicate e delle valanghe di neve abbattutesi nei giorni scorsi sull'Afghanistan è salito a 286 morti e 143 feriti, una situazione drammatica che ha spinto il presidente Ashraf Ghani ad annullare una visita ufficiale in Iran.

Il nuovo bilancio delle vittime e la rinuncia del Capo dello Stato a partire per Teheran sono contenute in un comunicato diffuso oggi a Kabul dall'ufficio stampa presidenziale in cui si precisa che "questo non è il momento di partire ma di restare accanto al popolo che ha sofferto per un disastro naturale".

Ghani ha rivelato che oltre ai 286 morti e ai 143 feriti, "1.248 case sono andate completamente distrutte", soprattutto nella provincia centro-settentrionale del Panjshir che da sola ha registrato 186 morti e 100 feriti.

Dopo aver indicato che programmi di assistenza finanziaria saranno messi a punto per aiutare la popolazione del Panjshir, il capo dello Stato ha ammesso che "il governo non ha i mezzi per aiutare tutta la gente colpita dal disastro". Per questo, ha concluso, "la comunità internazionale ed il mondo degli affari afghano dovrebbero fare la loro parte".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS