Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERLINO - Tre soldati tedeschi nella Nato sono stati uccisi e altri cinque sono stati feriti in modo grave, oggi, in combattimenti con i talebani nell'Afghanistan settentrionale. Lo ha reso noto il comando militare tedesco, precisando che gli scontri sono avvenuti vicino a Chahar Dara, a sud-ovest di Kunduz.
Joerg Langer, portavoce del comando militare a Postdam, vicino a Berlino, ha spiegato che i combattimenti sono cominciati stamattina quando i talebani hanno teso un agguato a una pattuglia tedesca che stava cercando ordigni nascosti sul ciglio della strada. E continuano nella notte, tant'é che i militari tedeschi hanno chiesto rinforzi.
Secondo il corrispondente del settimanale tedesco "Der Spiegel" a Kunduz, la pattuglia tedesca è caduta in un'imboscata organizzata da circa 200 talebani e anche un blindato tedesco è saltato in aria.
Il governatore della provincia di Kunduz, Mohammad Omar, ha riferito che la pattuglia stava portando rifornimenti agli avamposti di Chahr Dara quando ha individuato alcune mine. Gli artificieri stavano tentando di disattivarle quando c'é stato l'attacco. La zona è considerata particolarmente pericolosa.
Alla missione della Forza internazionale di stabilizzazione dell'Afghanistan (Isaf) della Nato partecipano 4.500 soldati tedeschi. Con i tre uccisi oggi il numero degli tedeschi caduti dall'inizio dell'intervento tedesco nel 2002 è salito a 39.
Il ministro dello sviluppo di Berlino, Dirk Niebel, è attualmente in Afghanistan. Oggi era nel nord, a Faisabad, per incontrare esponenti delle organizzazioni umanitarie.

SDA-ATS