Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La missione 'Resolute Support' operante in Afghanistan sotto comando Nato ha condannato duramente oggi l'attentato terroristico avvenuto nella notte nel centro di Kabul che ha avuto un bilancio provvisorio di otto morti, tutti civili, e circa 400 feriti.

"Il quartier generale di 'Resolute Support' - si legge in un comunicato diffuso alla stampa - condanna duramente l'attacco che ha ucciso numerosi civili afghani innocenti, ferendone moltissimi altri, fra cui donne e bambini".

"Gli insorti - si dice ancora nel documento firmato dal generale Wilson Shoffner - hanno condotto il loro attacco in una zona densamente popolata da civili, mostrando ancora una volta il loro deplorevole e spietato disprezzo per le vite umane innocenti".

Secondo il ministero della Sanità afghano l'attentato, che non è stato rivendicato, è stato realizzato verso l'una della notte con un camion imbottito di esplosivo.

I media afghani hanno indicato che l'obiettivo dell'attacco era un edificio dell'intelligence militare afghana, che però ha subito solo danni marginali. L'esplosione, potentissima, ha sconvolto l'area di Naqliya Seya Sang del quartiere di Shah Shaeed facendo crollare varie costruzioni e mandando in frantumi i vetri delle finestre nel raggio di centinaia di metri, fatto che ha causato un altissimo numero di feriti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS