Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERLINO - Il Bundestag ha approvato oggi la proposta del governo tedesco di rafforzare il contingente militare del paese in Afghanistan, ma al voto non ha partecipato il gruppo della sinistra radicale tedesca (Linke), che è stato espulso dall'aula dopo una protesta contro la missione.
La Camera bassa del parlamento ha approvato con 429 voti a favore e 111 contrari (su un totale di 622 deputati) la proposta dell'esecutivo della cancelliera Angela Merkel di aumentare da 4.500 a 5.350 unità il livello massimo di soldati che la Germania può inviare in Afghanistan.
Ma questa mattina il gruppo della Linke si è presentato all'appuntamento deciso a contestare la partecipazione della Germania al conflitto. Dopo l'intervento della deputata della Linke, Christine Buchholz, tutti i membri del suo gruppo si sono alzati e hanno esibito i cartelli con i nomi delle vittime della strage di Kunduz dello scorso settembre.
In quell'occasione, un comandante tedesco aveva ordinato un attacco contro obiettivi talebani che aveva causato la morte di almeno 140 persone, tra cui decine di civili.
I membri della Linke hanno poi ignorato il presidente del Bundestag, Norbert Lammert, che li invitava all'ordine e sono stati espulsi per il resto della seduta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS