Navigation

Afghanistan: Loya Jirga, n.39 "maledetto" sconvolge i lavori

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 novembre 2011 - 11:33
(Keystone-ATS)

Gli organizzatori della Loya Jirga, la Grande Assemblea convocata dal presidente Hamid Karzai per discutere un Accordo strategico con gli Usa, hanno dovuto risolvere oggi un momento di tensione generato dai membri di una Commissione a cui era stato assegnato il n.39, che in Afghanistan è considerato "maledetto".

Dopo l'intervento ieri del capo dello Stato che ha spiegato i termini in cui si pone il negoziato sull'Accordo strategico con gli Stati Uniti, oggi gli oltre 2.000 delegati sono stati divisi in 40 commissioni per entrare nel merito degli aspetti giuridici, politici, economici e finanziari della possibile intesa afghano-americana.

Ma al momento di assegnare ad una delle commissioni il numero 39, vi è stata una levata di scudi compatta di tutti i suoi membri che hanno rifiutato categoricamente quel numero. Dopo una accesa discussione gli organizzatori hanno deciso di sopprimerlo creando una commissione n.41, risolvendo così il problema.

La portavoce della Jirga, Safia Siddiqi, ha spiegato che "da tempo il 39 è considerato in tutto l'Afghanistan un numero negativo, che la gente rifiuta per partito preso, spesso non sapendo neppure perché".

Mesi fa una delegazione di giornalisti invitata per partecipare ad una Fiera a Torino - ha ricordato Syed Anwer, corrispondente dell'ANSA a Kabul - ebbero gesti di disappunto quando appresero che il codice telefonico internazionale italiano era, appunto, il 39".

Peraltro l'origine della superstizione su questo numero è incerta. Comunemente la si fa risalire ai primi due numeri della targa della lussuosa auto di uno sfruttatore della prostituzione odiato da tutti ad Herat, nell'ovest del paese.

La superstizione arriva al punto che gli automobilisti rifiutano le targhe quando hanno un numero 39, e sono disposti anche a pagare una mazzetta per ottenerne un'altra. Lo stesso accade per i numeri di telefono dei cellulari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?