Navigation

Afghanistan: OK Pakistan a ufficio talebani in paese neutrale

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 dicembre 2010 - 08:34
(Keystone-ATS)

ISLAMABAD - Il Pakistan è pronto a fare quanto è nelle sue possibilità per permettere l'apertura di un ufficio di rappresentanza dei talebani afghani in un paese neutrale. Lo scrive oggi il quotidiano The Express Tribune a Islamabad.
Questa proposta, avanzata tempo fa in un articolo per un giornale britannico dall'ex ambasciatore talebano in Pakistan, Mullah Zaeef, è stata evocata ufficialmente in un recente incontro trilaterale a Istanbul dai presidenti di Afghanistan, Pakistan e Turchia.
Al riguardo il presidente afghano Hamid Karzai ha ipotizzato che proprio la Turchia offra la possibilità di apertura di un simile ufficio, ricevendo dalle autorità locali ampia disponibilità.
Un alto funzionario governativo pachistano ha detto al quotidiano, con la condizione di non essere identificato, che "il nostro paese ha sollecitato gli Stati Uniti ad appoggiare il piano di riconciliazione del presidente afghano Hamid Karzai e di fare propria l'idea di trovare una soluzione politica all'impasse afghana".
"Se i talebani - ha concluso - riceveranno il permesso di aprire un ufficio in un paese neutrale. Questo sarà senza dubbio un passo in avanti ed il Pakistan gli darà il benvenuto".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.