Navigation

Afghanistan: Pentagono, Nato ridurrà raid notturni fra civili

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2010 - 07:46
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - Le truppe della Nato in Afghanistan dovranno in futuro limitare le operazioni e i rastrellamenti notturni per stanare gli insorti che si nascondono fra i civili afghani e che hanno causato forti tensioni con la popolazione. Lo hanno detto all'agenzia stampa francese Afp fonti del Pentagono.
La direttiva, firmata dal generale Stanley McChrystal e diramata il mese scorso, suggerisce ai soldati della Nato di lasciare ai militari afghani il compito di picchiare alla porta ed entrare per primi nelle abitazioni dei civili. Dovranno poi riprendere la guida delle operazioni in caso sia necessario il ricorso alla forza.
Le incursioni notturne dei soldati della Nato hanno spesso causato tensioni con i civili afghani, scontenti che militari maschi entrino nelle case e possano vedere le donne.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.