Navigation

Afghanistan: Zapatero, non siamo qui per restare

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2010 - 09:43
(Keystone-ATS)

MADRID - "Non siamo qui per restare ma il nostro impegno deve essere fermo fino a quando gli afghani non potranno garantire la propria sicurezza". È quanto ha detto il premier spagnolo Josè Luis Rodrìguez Zapatero arrivato oggi in Afghanistan per una visita a sorpresa alle truppe.
Accompagnato dai ministri della Difesa e degli Esteri, Carme Chacòn e Trinidad Jimènez, Zapatero ha reso omaggio all'aeroporto di Kabul al monumento che ricorda i 94 spagnoli caduti in Afghanistan dall'inizio del conflitto. Poi si è recato nella base del contingente spagnolo, che supera le 1500 unità, a Qala-i-Naw. Previsti anche gli incontri con il presidente Hamid Karzai e il generale David Petraeus, comandante delle forze Nato nel paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?