Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un cittadino bosniaco di 55 anni ha tentato di risolvere i suoi problemi coniugali con un bomba a mano, lanciata contro sua moglie in strada a Buchs (AG). La donna è rimasta lievemente ferita e nessuno sembra essersi accorto di nulla.

L'episodio risale a settimana scorsa, ma è emerso in tutti i suoi dettagli solo ora. Nonostante la forte detonazione, che ha anche rotto la finestra di una casa vicina, nessuno si è rivolto alla polizia. È stata la donna a informare le forze dell'ordine circa un ora dopo i fatti; essa ha parlato soltanto di problemi con il marito.

La pattuglia giunta sul posto ha constatato che la 59enne, pure bosniaca, ha riportato solo una lieve ferita a un dito. La donna ha indicato che il coniuge ha lanciato verso di lei un razzo pirotecnico.

Dai primi accertamenti non sono emersi indizi di un reato grave, afferma la polizia in un comunicato diffuso oggi. Ma dopo che la donna si è recata in ospedale lo stesso giorno per una lesione al ventre e le è stata asportata chirurgicamente una pallina di metallo, gli inquirenti hanno deciso di approfondire le indagini e hanno trovato resti di una bomba a mano sul luogo dei fatti. È emerso che si era trattato di una bomba a frammentazione di fabbricazione jugoslava.

Nel frattempo il 55enne era già fuggito in patria, ma è stato arrestato domenica a Chiasso mentre rientrava in Svizzera. Ora l'uomo è agli arresti nel canton Argovia; il ministero pubblico ha chiesto per lui la detenzione preventiva.

SDA-ATS