Navigation

Agca: Emanuela Orlandi è viva, la porterò in Vaticano

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 gennaio 2010 - 12:06
(Keystone-ATS)

ROMA - "Emanuela Orlandi è viva, sul suo caso l'Italia non deve credere alle menzogne della Banda della Magliana". Lo dice a Repubblica Mehmet Ali Agca, il "lupo grigio" turco che nell'81 sparò a papa Wojtyla, scarcerato ieri.
Rispondendo per iscritto ad alcune domande del quotidiano, Agca afferma di "sapere tutto" sulla vicenda Orlandi, ma di non poter "rivelare" nessun nome: "Posso rivelare che Emanuela è stata rapita da un'organizzazione potente, soltanto per ottenere la mia liberazione e non esiste nessun altro motivo". L'ex terrorista spiega che la donna "viene trattata umanamente fin dal giorno del rapimento" e che ora "subisce limitazioni del contatto esterno", infine annuncia che "spera" di portarla in Vaticano proprio quest'anno.
Agca insiste sulla sua "missione universale di proclamare la verità divina", definisce Wojtyla "un uomo eccezionale" e augura a Benedetto XVI "ogni bene possibile".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.