Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La clientela si prende però più tempo prima di decidere: le prenotazioni anticipate (più di due mesi prima) sono scese dal 50% al 46%, verosimilmente a causa del rischio di attentati in certe destinazioni (foto d'archivio).

Keystone/STR

(sda-ats)

Non accenna a diminuire la pressione sulle agenzie di viaggio elvetiche: l'anno scorso il fatturato medio di ogni azienda si è attestato a 3,19 milioni, il 2% in meno dell'anno prima. E un sondaggio mostra che gli svizzeri viaggiano di più, ma prenotano con prudenza.

Sul fronte dei ricavi la situazione può essere considerata stabile, ma appena soddisfacente, hanno spiegato i vertici della Federazione svizzera di viaggi (FSV) in un conferenza stampa a Zurigo. Un'inchiesta dell'università di San Gallo ha messo in luce che la produttività è diminuita o tuttalpiù è rimasta stabile, a seconda della grandezza delle agenzie. I proventi medi per dipendente sono scesi da 1,02 a 0,98 milioni di franchi. E si è fatto sentire l'impatto del franco forte.

Le prospettive per il futuro non sono rosee. Le 351 imprese interpellate si aspettano un calo della domanda, nonostante la tendenza ad abbassare i prezzi. I margini rimarranno quindi sotto pressione, in particolare quelli delle piccole agenzie, ritiene la FSV.

Quest'autunno numerose destinazioni soffrono per la situazione geopolitica. Turchia, Tunisia, Egitto, Parigi e Londra vengono snobbate, nonostante tariffe attraenti. In evidenza sono per contro la Spagna e le sue isole, la Grecia, Cipro, l'Italia e il Portogallo, come pure le città più piccole e la Scandinavia.

Gli svizzeri hanno peraltro ancora voglia di scoprire il mondo vicino e lontano. In media quest'anno faranno 2,8 viaggi con almeno tre pernottamenti fuori casa, rivela un sondaggio di Allianz Global Assistance. L'84% delle 1020 persone interrogate compie almeno un viaggio, contro l'81% del rilevamento 2015.

La clientela si prende però più tempo prima di decidere: le prenotazioni anticipate (più di due mesi prima) sono scese dal 50% al 46%, verosimilmente a causa del rischio di attentati in certe destinazioni.

Il sondaggio rileva per contro una discrepanza fra la percezione del rischio e i problemi reali: oltre la metà del campione (55%) teme disordini e attentati, ma nei fatti il problema maggiore è costituito dai ritardi (41%).

Nella fase dei preparativi, i due terzi degli intervistati preferiscono internet per prenotare i viaggi. Uno svizzero su cinque opta per l'agenzia, almeno una volta all'anno, mentre un utente su dieci si organizza da solo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS