Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Agricoltura: aumentano vino e frutta, in difficoltà grandi colture

Agricoltura elvetica 2018: bene la viticoltura, i raccolti di frutta e la produzione animale, male grandi colture e foraggio (foto d'archivio)

Keystone/GIAN EHRENZELLER

(sda-ats)

Bene la viticoltura, i raccolti di frutta e la produzione animale, male grandi colture e foraggio. Questo in sintesi il bilancio del 2018 dell'agricoltura elvetica, secondo le prime stime pubblicate oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

Nell'anno in corso - si legge in un comunicato - l'agricoltura svizzera dovrebbe produrre un valore aggiunto lordo di 4,1 miliardi di franchi, in aumento del 2,1% rispetto al 2017. Non tenendo conto del rincaro, la progressione è del 5,1%.

La produzione totale, stando ai calcoli dell'UST, sarà di 10,6 miliardi di franchi, pari a una crescita del 2,7%. Registrano un incremento, del 3,1%, anche le spese di consumo intermedio (foraggio, energia, concimi, manutenzione e riparazioni), che ammonteranno a 6,5 miliardi.

Continua invece a diminuire il volume di lavoro, con un calo ipotizzato dello 0,9% su base annua. La produttività è salita del 5,9% (+27% circa dal 2000).

Il valore della produzione vegetale è aumentato del 4,4%, raggiungendo i 4,3 miliardi nonostante la siccità. All'interno di questa categoria, l'andamento è stato però contrastato. Sul lungo termine infatti, le colture speciali (ortaggi, frutta, uva e vini, fiori, piante aromatiche, tabacco) hanno acquisito importanza a scapito di quelle grandi (cereali, patate, oleaginosi, barbabietole da zucchero) e di quelle foraggere.

Attualmente, le colture speciali rappresentano il 61% del valore della produzione vegetale, undici punti percentuali in più in confronto a 18 anni fa. Ciò si spiega anche col fatto che esse possono essere irrigate e offrono una migliore resistenza alla siccità. La crescita è stata dell'8,6% (a 2,6 miliardi) nel solo 2018, che ha fatto seguito a un 2017 segnato dal gelo.

L'abbondanza di frutta e uva, indica l'UST, ha ampiamente compensato l'orticoltura, penalizzata da un inverno relativamente lungo. I raccolti di cereali sono stimati a 815'000 tonnellate (-14% su base annua).

Dal canto suo, la produzione animale ha messo a segno un incremento contenuto (+1,2%), per un importo di 5,1 miliardi di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.