Navigation

Ahmadinejad attacca europei, repressioni studenti vergognose

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2010 - 14:09
(Keystone-ATS)

TEHERAN - "Quando osserviamo le scene di violenza della polizia nei confronti della gente e degli studenti nei paesi europei le troviamo vergognose e quando Paesi che ricorrono a intercettazioni, tortura, repressione e arresti sostengono di essere in prima linea nella difesa dei diritti umani ciò mi sembra una barzelletta ripetitiva e poco spiritosa".
Lo ha affermato il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad - secondo quanto riporta il sito italiano dell'emittente iraniana Irib - condannando "le repressioni violente contro gli studenti ed i lavoratori europei" ma senza mai citare gli scontri che si sono verificati nelle ultime settimane in Italia, Gran Bretagna e Francia.
Secondo l'agenzia Fars, Ahmadinejad, che parlava al vertice dei paesi Eco ad Istanbul, ha ricordato che la crisi economica che ha costretto ad adottare tagli e misure di austerità economia nei paesi europei "è la prova della sconfitta del capitalismo e del suo modo di gestire la società umana".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?