Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non finisce il braccio di ferro tra i vertici di Air France e i piloti, che hanno iniziato oggi la seconda settimana di sciopero, inchiodando a terra per l'ottavo giorno consecutivo il 60% circa dei voli.

La direzione del gruppo Air France-Klm aveva provato, in tarda mattinata, a fare un "gesto di conciliazione", proponendo una sospensione fino alla fine dell'anno del piano di creazione di una filiale europea della controllata olandese Transavia, compagnia low cost il cui sviluppo era uno dei pilastri del piano strategico di medio termine. Un progetto che era sempre stato inviso ai piloti francesi, che temevano un riallineamento verso il basso delle condizioni lavorative e delle remunerazioni, ben più vantaggiose per chi fa volare aerei della flotta Air France rispetto ai colleghi Transavia, la cui attività si concentra soprattutto sulle tratte a breve e medio raggio e la clientela turistica.

La sospensione, spiegava l'amministratore delegato del gruppo franco-olandese Alexandre de Juniac a Le Monde, sarebbe servita per avere "il tempo di portare avanti un dialogo approfondito sul progetto e di elaborare con i sindacati le garanzie necessarie", ma senza "mettere in discussione la nostra ambizione di sviluppare Transavia, che è uno dei fattori di crescita maggiori del gruppo Air France-Klm". Ma, soprattutto, avrebbe permesso di mettere fine a uno sciopero "deplorevole per i clienti Air France" e "disastrosa per la compagnia", a cui ogni giorno di mobilitazione costa "tra i 15 e i 20 milioni di euro" in termini di risultato operativo.

La risposta del primo sindacato dei piloti, la Snpl AF Alpa, è stata però secca: l'offerta di uno stop momentaneo al piano Transavia Europe, per sedersi al tavolo delle trattative, è stata rispedita al mittente, bollata come "cortina di fumo" che "non risolve alcun problema". Lo sciopero si fermerà solo, hanno aggiunto i responsabili durante un'affollata conferenza stampa nell'aeroporto parigino di Roissy, quando Air France-Klm accetterà di abbandonare totalmente il progetto.

Nel frattempo, lo sciopero prolungato provoca crescente esasperazione tra i passeggeri bloccati, e ha fatto schizzare alle stelle i prezzi dei voli interni alla Francia offerti dalle compagnie low cost. Un collegamento Parigi-Tolosa per domani, scrive il sito del settimanale economico Challenges, può arrivare così a costare quasi 1.300 euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS