Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La riorganizzazione dell'Aiuto Aids Svizzero (AAS) ha comportato una riduzione del personale: dai 24,8 posti di lavoro a tempo pieno dell'anno scorso a 22 quest'anno. È stato così possibile evitare il deficit previsto nel budget per il 2013.

La notizia, riferita oggi dal "Landbote" e da altri quotidiani regionali zurighesi, è stata confermata all'ats dal direttore di AAS Michael Kohlbacher. L'organizzazione ha deciso lo scorso autunno di decentralizzare le sue strutture. I motivi sono legati alla riduzione delle sovvenzioni della Confederazione e al calo delle donazioni, diminuite l'anno scorso di 200'000 franchi rispetto al 2011.

Il direttore Kohlbacher ha inoltre dichiarato che la presidente dell'organizzazione, la consigliera nazionale Doris Fiala (PLR/ZH), è riuscita ad ottenere da varie imprese promesse di finanziamenti per 680'000 franchi per il periodo 2012-2014. In seguito a critiche la presidente ha peraltro deciso l'anno scorso di ridurre il suo compenso da 50'000 a 30'000 franchi l'anno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS