Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il nuovo articolo costituzionale sulla politica familiare consentirà di conciliare meglio la famiglia con il lavoro. Il consigliere federale Alain Berset e il presidente della Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali Peter Gomm (SO) hanno sostenuto oggi a Berna gli obiettivi del nuovo articolo, invitando il popolo a sostenere questo oggetto il 3 marzo prossimo.

La nuova disposizione - hanno sottolineato - risponde a una necessità prioritaria di numerose famiglie e rafforza la libertà decisionale dei genitori. Dal canto suo, Thérèse Meyer-Kaelin, presidente della Commissione federale di coordinamento per le questioni familiari, ha spiegato quanto sia fondamentale per le famiglie il maggior margine di manovra di cui potranno fruire grazie al miglioramento della conciliabilità tra impegni familiari e professionali.

Un numero sufficiente di posti di custodia complementare alla famiglia, per esempio negli asili nido, nei doposcuola, nelle scuole a orario continuato e nelle mense consentirà a molte madri di evitare di abbandonare l'attività lucrativa per occuparsi dei figli. Permetterà ad altre donne di non rinunciare a formare una famiglia per poter esercitare una professione.

Durante la conferenza stampa è stato ribadito che una migliore conciliabilità tra famiglia e professione promuove la parità tra donna e uomo e contribuisce alla lotta contro la povertà delle famiglie. Il consigliere di Stato Peter Gomm ha sottolineato che il nuovo articolo costituzionale non intacca la sovranità dei cantoni, che resteranno i primi responsabili della politica familiare e decideranno autonomamente quali provvedimenti adottare.

L'articolo costituzionale introduce una base giuridica per il maggior coinvolgimento di Confederazione e cantoni. Esso prevede che Confederazione e cantoni incoraggino provvedimenti intesi a conciliare vita familiare e attività lucrativa o formazione.

I cantoni devono provvedere a un'offerta appropriata di posti di custodia complementari alla famiglia o alla scuola. Qualora le misure messe in atto dai cantoni per la promozione della conciliabilità tra famiglia e professione si rivelassero insufficienti, la Confederazione potrebbe emanare prescrizioni vincolanti per tutto il territorio nazionale.

Il nuovo articolo costituzionale è frutto di un'iniziativa parlamentare. Una parte della destra, UDC in testa, vi si era opposta durante i dibattiti alle Camere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS