Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Bombardamenti senza sosta su Aleppo

Keystone/AP Syrian Civil Defense White Helmets/UNCREDITED

(sda-ats)

Save the Children lancia l'allarme: oltre 300 bambini sono stati uccisi o feriti ad Aleppo orientale negli ultimi cinque giorni.

I bambini della martoriata città siriana sono sotto un attacco "feroce", e anche le scuole sotterranee sono state chiuse, dopo l'uso nei raid delle bombe anti-bunker.

I continui raid, denuncia l'Ong, privano di un'educazione quasi 100.000 bambini in età scolare che continuano a rischiare la vita ogni giorno.

Solo negli ultimi tre mesi - prosegue Save the Childre, - , sette membri del personale e cinque studenti sono stati uccisi nelle 13 scuole sostenute dall'associazione (8 delle quali sotto terra) ad Aleppo orientale.

"È più frequente vedere bambini che vengono estratti dalle macerie o soccorsi sul pavimento di un ospedale che seduti a un banco di scuola. I bambini hanno diritto a giocare, a imparare, a essere bambini. L'uso di bombe anti-bunker significa che non esiste alcun luogo in cui i bambini siano al sicuro: chiediamo che l'uso di queste armi venga indagato come un potenziale crimine di guerra" ha dichiarato Nick Finney, Direttore di Save the Children nella Siria Nord-occidentale.

"C'è urgente bisogno di un cessate il fuoco che ponga fine agli attacchi indiscriminati contro i civili e che permetta di distribuire gli aiuti e riaprire le scuole" afferma Save the children chiedendo che venga avviata un'indagine internazionale imparziale sull'attacco mortale contro un convoglio di aiuti ONU/SARC avvenuto la scorsa settimana e sulle violazioni del diritto internazionale umanitario nell'escalation in corso ad Aleppo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS