Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I terroristi che da ieri mattina hanno nelle loro mani in Algeria una quarantina di ostaggi, molti dei quali occidentali, sono disposti a trattarne la liberazione con i Paesi d'origine. Lo ha detto al canale satellitare Al Jazeera Abou Al Bara, presentato come uno dei rapitori che occupano il campo petrolifero di In Amenas.

Secondo Al Bara, gli ostaggi si troverebbero in due siti all'interno del campo.

Sempre stando ad Al Jazira, i terroristi minacciano di uccidere un ostaggio britannico se le forze di sicurezza e le unità dell'Esercito algerine che circondano il sito non cesseranno la loro attività.

Al Jazira ha riferito che due ostaggi sono rimasti feriti da colpi sparati dagli algerini.

I rapitori hanno chiesto, in cambio del rilascio degli stranieri, che siano liberati detenuti islamici in Algeria, cosa che appare difficilmente praticabile perchè l'Algeria ha come dogma la linea dura con i terroristi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS