Navigation

Algeria: almeno 88 membri al Qaida uccisi da inizio anno

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 settembre 2010 - 18:47
(Keystone-ATS)

ALGERI - Sono almeno 88 i membri dei gruppi armati di matrice islamica, affiliati ad Al Qaida per il Maghreb islamico, uccisi in Algeria dall'inizio del 2010 in diverse operazioni dell'esercito.
Tra loro, precisa un bilancio pubblicato dal quotidiano Libertè, anche 13 'emirì a capo delle principali cellule terroristiche presenti nel paese. Dall'inizio del Ramadan, circa 15 combattenti sono stati uccisi a Boumerdes e Tizi Ouzou, in Cabilia, una delle regione considerate il covo di Aqmi nel nord del paese.
Una vasta operazione di rastrellamento è stata lanciata nelle ultime ore proprio nella zona di Boumerdes, dove mercoledì scorso un attentato kamikaze, rivendicato dal braccio nordafricano di Al Qaida, ha fatto due morti e una ventina di feriti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.