Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro algerino della comunicazione, Mohamed Said, ha detto che il bilancio dell'attacco contro il centro gasiero di In Amenas si annuncia più pesante rispetto ai 23 ostaggi e i 32 terroristi uccisi. "Temo davvero, purtroppo, che il bilancio debba esser rivisto al rialzo", ha detto Said alla radio pubblica Chaine 3.

È stata intanto confermata oggi dal premier David Cameron la morte di tre britannici nel sito gasiero di In Amenas, in Algeria. Cameron ha aggiunto che rimangono quattro dispersi: tre britannici e uno straniero residente in Gb.

Si è appreso inoltre che i circa 200 uomini della sicurezza interna al sito gasiero di In Amenas non erano armati e quindi non hanno potuto opporre alcuna resistenza ai terroristi che vi hanno fatto irruzione.

Il sito, uno dei più importanti dell'Algeria, ha un doppio sistema di sicurezza. Quello esterno è affidato alla Gendarmeria; quello interno alla Bp, che partecipa alle attività estrattive con Sonatrach e Statoil. Questo apparato non era stato modificato (nel senso di rafforzarlo quanto meno nelle dotazioni di difesa) nemmeno con l'inizio della crisi maliana.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS