Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ALGERI - Resta alta la tensione in Algeria, anche se in quasi tutto il paese è tornata oggi la calma dopo le violente proteste dei giorni scorsi che hanno fatto 5 morti e oltre 800 feriti. Ieri, riferiscono diversi media algerini, alcuni scontri si sono verificati ancora in Cabilia, principalmente a Bejaia e Tizi Ouzou, e nell'ovest del paese a Tlemcen e Sidi Bel Abbes. Secondo il quotidiano Algerie News, proprio lungo la frontiera con il Marocco, sarebbero stati rafforzati i controlli per evitare che i contrabbandieri approfittino delle proteste.
Ad Algeri e nel resto del paese, la situazione è sotto controllo anche se si rincorrono le voci su di una possibile ripresa delle proteste. Per precauzione, la Federazione nazionale di calcio ha annunciato la sospensione del campionato fino al 10 febbraio, anticipando la pausa invernale prima della fine del girone di andata.
Un invito alla calma, è arrivato tramite un video sul web, anche dal popolare rapper algerino, Lotfi Double Canon. "Non bisogna perdere di vista quelli che vogliono il disordine e lo stato d'emergenza, la chiusura di porti e aeroporto e il divieto di scrivere sui giornali". "Questa esperienza l'abbiamo già vissuta e non vogliamo che si ripeta", conclude.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS