Navigation

Algeria al voto per le presidenziali del dopo-Bouteflika

Più di 24 milioni di algerini sono chiamati al voto oggi per le elezioni presidenziali KEYSTONE/EPA/MOHAMED MESSARA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 dicembre 2019 - 10:17
(Keystone-ATS)

Più di 24 milioni di algerini sono chiamati al voto oggi nelle prime elezioni presidenziali del dopo-Bouteflika.

Una consultazione boicottata dal movimento di protesta che ha portato alla caduta del presidente-autocrate in carica per due decenni e che chiede lo smantellamento del suo sistema di potere.

I cinque candidati in lizza vengono contestati dall' "hirak", il "movimento", perché troppo vicini all'opaco e corrotto sistema sopravvissuto ad Abdelaziz Bouteflika: due di loro, Abdelmadjid Tebboune e Ali Benflis, sono stati in passato addirittura primi ministri.

E' prevedibile quindi che pure dopo il voto - rinviato 2 volte ad aprile e luglio - continueranno le manifestazioni del venerdì islamico contro il governo appoggiato dai militari, i veri detentori del potere nel Paese, ex colonia francese fino al 1962 e terzo maggiore fornitore di gas dell'Europa. Una protesta è stata dispersa violentemente ieri pomeriggio nel centro di Algeri dalla polizia causando diversi feriti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.