Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La società Alitalia è indagata per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato italiano nell'ambito di un'inchiesta della procura della Repubblica di Civitavecchia.

L'ipotesi di accusa fa riferimento alla decisione con la quale Alitalia, a fine 2012, mandò in cassa integrazione 250 dipendenti motivando tale iniziativa con un eccesso di personale rispetto al reale fabbisogno della compagnia aerea. L'indagine è un filone di quella avviata dopo l'incidente dell'aereo Carpat Air finito fuori pista a Fiumicino.

Secondo le indagini, Alitalia avrebbe dichiarato il falso avendo stipulato il giorno precedente alla messa in cassa integrazione un contratto con la Carpat Air per il noleggio di aerei e di personale.

Secondo l'ipotesi di lavoro del titolare del pubblico ministero, non corrispondeva al vero che ci fosse un sovradimensionamento del personale, proprio alla luce del contratto di noleggio sottoscritto 24 ore prima.

La nuova indagine che si abbatte su Alitalia scaturisce dall'incidente avvenuto nello scorso febbraio quando un aereo della Carpat Air finì fuori pista a Fiumicino. Gli accertamenti determinarono l'iscrizione dei due piloti romeni della compagnia nel registro degli indagati per disastro e lesioni colpose.

Ora la nuova indagine che vede, per il momento, indagata la sola società, è destinata ad estendersi ai responsabili dei fatti presi in esame dal magistrato di Civitavecchia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS