Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera ha bisogno di una moratoria sull'asilo per mettere ordine nel caos attuale dovuto all'inazione della Consigliera federale Simonetta Sommaruga. Lo ha dichiarato stamane in una conferenza stampa il capogruppo UDC alle Camere federali, Adrian Amstutz.

Secondo il consigliere nazionale bernese, il Paese sta vivendo una vera e propria emergenza, che va affrontata rendendo meno attrattiva la Confederazione quale destinazione per i migranti. In vista del dibattito al Consiglio nazionale sulla riorganizzazione dell'asilo in agenda per settembre, i democentristi presenteranno un'ottantina di emendamenti di una riforma - già approvata in giugno nelle sue linee principali dagli Stati - che giudicano perniciosa, poiché renderebbe a loro parere la Svizzera un luogo di approdo ancora più attrattivo per i migranti.

L'UDC è, in particolare, contraria all'istituzione di centri per richiedenti - ne sono previsti 6 in tutta la Svizzera - in cui trattare in maniera centralizzata le richieste di asilo. In tali strutture dovrebbe essere possibile accogliere da 5 a 6 mila persone. Quest'ultime avrebbero diritto all'assistenza legale gratuita.

Per il consigliere nazionale Hans Fehr (UDC/ZH), questi due elementi assieme rappresentano da soli un motivo sufficiente per scegliere la Svizzera quale luogo di destinazione privilegiato per i migranti. L'assistenza gratuita è vista come fumo negli occhi da parte di questa formazione, poiché darà luogo a una valanga di ricorsi. Invece di accorciarsi le procedure si allungheranno e i costi aumenteranno, invece di diminuire, ha spiegato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS