Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Alleanza delle organizzazioni dei consumatori vuole lottare contro la sovramedicalizzazione, sia a livello di trattamenti prescritti che di esami diagnostici effettuati. Nel 2014 lancerà pertanto una campagna di informazione per sensibilizzare i pazienti e i professionisti del settore sanitario.

Si tratta di non esporre inutilmente i pazienti ai vari rischi che comporta un atto medico, ha indicato l'Alleanza presentando oggi a Berna il suo bilancio 2013 e le prospettive per l'anno prossimo.

Secondo le organizzazioni dei consumatori, v'è sovramedicalizzazione quando i trattamenti (cure, medicinali e ospedalizzazioni) sono prescritti in quantità eccessiva o senza che siano necessari. Anche a livello di diagnosi, vi sono visite, analisi e radiografie superflue. Sussistono inoltre rischi di sovraconsumo nel caso di automedicazione poco efficace e suggerimenti trovati in internet.

L'obiettivo della campagna è di fornire consigli pratici ai pazienti-consumatori per orientare la loro scelta. L'Alleanza vuole anche elaborare raccomandazioni per i fornitori di prestazioni, ossia i diversi attori del settore sanitario.

Le organizzazioni dei consumatori vogliono pure impegnarsi nell'ambito dell'alimentazione. In particolare, affinché la provenienza dei prodotti e delle materie prime sia chiaramente indicata, l'Alleanza sottopone una serie di proposte legislative.

L'Alleanza delle organizzazioni dei consumatori - che da cinque anni riunisce l'Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (ACSI), la Fédération romande des consommateurs (FRC) e la Stiftung für Konsumentenschutz (SKS) - ne ha approfittato per stilare un bilancio sulle sue iniziative durante il 2013. In particolare, si è detta soddisfatta della valutazione del voto dei parlamentari sulle questioni relative al consumo.

I 61 deputati firmatari della Charta dei consumatori durante le elezioni federali del 2011 hanno sostanzialmente mantenuto le loro promesse: l'81% dei loro voti vanno nell'interesse dei consumatori. Prendendo in considerazione i voti dell'insieme dei consiglieri nazionali, la percentuale scende però al 50%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS