Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'aiuto umanitario della Confederazione ha sbloccato ulteriori 300'000 franchi per assistere, tramite le organizzazioni attive sul posto, le persone colpite dalle inondazioni nella penisola balcanica. Berna invia inoltre in Serbia e Bosnia Erzegovina altri sei esperti del Corpo svizzero di aiuto in caso di catastrofe.

Si sono verificati centinaia di smottamenti, che mettono in pericolo i centri abitati: i rischi per la popolazione sono quindi molto elevati, anche per coloro che fanno ritorno a casa, si legge in una nota odierna del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Gli esperti elvetici - specializzati nelle questioni ambientali - partiranno stasera e saranno chiamati ad assistere le autorità locali nell'analisi della situazione. In particolare dovranno individuare le aree pericolose e predisporre le misure necessarie, precisa il DFAE.

Lunedì 20 maggio l'aiuto umanitario della Confederazione aveva inviato sul posto otto esperti e stanziato 500'000 franchi per gli interventi urgenti. Venerdì 23 maggio era stato inviato materiale di primo soccorso per la distribuzione di acqua ad almeno 10'000 persone.

SDA-ATS