Navigation

Almeno sei morti nelle montagne svizzere da venerdì

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 agosto 2011 - 21:46
(Keystone-ATS)

Almeno due persone al giorno sono morte nelle montagne svizzere da venerdì ad oggi. Inoltre, ha perso la vita anche una parapendista.

Questi, un tedesco di 57 anni ancora inesperto, si è ucciso oggi nel primo volo in solitario, nel canton Grigioni. Partito dall'alpe Naraus, stava per atterrare a Flims quando ha sorvolato il tetto di una fattoria ed è andato a sbattere contro un camino. A valle lo aspettava il suo istruttore, col quale era in contatto radio.

Stamane una alpinista è morta cadendo nella regione di Randa, nel canton Vallese. Secondo i primi elementi raccolti dalla polizia, due donne sono partite assieme dal rifugio di Kinn verso quello di Dom. Quanto erano nei pressi del posto denominato Festi-Kin-Lücke, a 3650 metri di quota, una di loro è precipitata. Le due alpiniste non erano in cordata. Un escursionista di 76 anni ha invece perso la vita questo pomeriggio mentre scendeva dal Rigi Hochflue, nel canton svitto. È scivolato per un centinaio di metri lungo un terreno scosceso, riportando ferite fatali.

Ieri verso mezzogiorno, un tedesco di 78 anni, in escursione assieme ad un compagno, è morto nel Furggetäli, nel territorio di Lauenen, nell'Oberland bernese: l'uomo è deceduto sul colpo in seguito a una caduta di circa 30 metri. Nel pomeriggio, una escursionista di 50 anni, data per dispersa dal giorno prima dalle college di lavoro, è stata trovata morta nei pressi della Tannenbodenalp, in territorio di Quarten (SG).

Venerdì nel tardo pomeriggio, verso le 18.10, un 75enne della regione di Ringgenberg (BE), sul lago di Brienz vicino a Interlaken, è morto cadendo da uno stretto sentiero dopo aver effettuato lavori agricoli a Scheielberg, un'ampia radura a 1106 metri di quota. L'uomo, che era in compagnia della moglie, è precipitato per un centinaio di metri. In precedenza un alpinista svizzero di 32 anni, partito in mattinata con un compagno di cordata, è deceduto scalando la parete nord dell'Eiger, nei pressi di Grindelwald (BE). Quando era davanti, è caduto, ha urtato la parte ed è rimasto appeso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?