Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Kilian Jornet Burgada fotografato dopo una gara di sci estremo in Vallese nel 2015

Keystone/MAXIME SCHMID

(sda-ats)

In una settimana ha scalato due volte l'Everest alla ricerca del nuovo record di velocità in salita dal versante nord.

Protagonista della formidabile performance è lo spagnolo Kilian Jornet Burgada, ventinovenne catalano, già autore di primati sul Monte Bianco, sul Cervino, sul McKinley e sull'Aconcagua.

Lo scorso 21 maggio è partito dal monastero tibetano di Rongbuk, a 5.100 metri, ha raggiunto la cima a 8.848 metri di quota ed è tornato al campo base avanzato a 6.500 metri in 26 ore (gli alpinisti normalmente ci impiegano 4-5 giorni). Ieri è ripartito dal campo base avanzato e, nonostante il forte vento, in 17 ore è arrivato in vetta, prima di far rientro a valle.

In entrambi i casi non ha usato ossigeno supplementare. Ha quindi sfiorato il "record" di salita dal versante Nord che appartiene all'austriaco Christian Stangl: 16 ore e 42 minuti nel 2006. Dal 2012 Jornet Burgada è impegnato nel progetto Summits of my Life con l'obiettivo di migliorare i record su alcune fra le più alte montagne della Terra.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS