Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo Alpiq, uno dei principali fornitori di elettricità in Svizzera, ha chiuso il primo semestre con un utile consolidato di 115 milioni di franchi, a fronte di una perdita netta di 34 milioni subita l'anno prima.

al canto suo, il risultato operativo (EBIT) è salito da 151 a 257 milioni di franchi, indica Alpiq in una nota odierna. Tenuto conto in particolare della riduzione del portafoglio di attività, il giro d'affari si è considerevolmente assottigliato a 4,79 miliardi di franchi, contro i 6,5 miliardi registrati nel primo semestre del 2012.

Le vendite di corrente in Svizzera e all'estero sono calate da un semestre all'altro da 66,027 terwatt/ora (TWh) a 50,062 TWh. Tale flessione è riconducibile, stando alla nota, ai lavori di manutenzione nel settore nucleare e da un calo dei quantitativi richiesti dai paesi confinanti con la Svizzera in base ai contratti a lungo termine.

Inoltre, prosegue il comunicato, gli investimenti effettuati per aumentare la sicurezza nelle centrali nucleari hanno fatto lievitare i costi di produzione.

Per l'insieme dell'esercizio, Alpiq dichiara di attendersi "risultati operativi in calo rispetto al 2012". Questa previsione si basa segnatamente sulla riduzione del suo portafoglio di attività e sull'immobilizzazione prolungata della centrale di Gösgen a Däniken (SO) a causa dell'installazione di un nuovo generatore.

Il reattore della centrale di Gösgen è stato spento l'8 agosto scorso dopo la scoperta di una fuga di olio nel nuovo generatore elettrico, installato durante la revisione annuale dell'impianto. La centrale ha potuto riprendere a funzionare progressivamente solo venerdì scorso.

Frattanto, il programma di dimagrimento della società, avviato a fine 2011, è proseguito anche nel semestre in rassegna. Alpi ha ceduto, per una somma non divulgata, la partecipazione del 24,6% nel forniture di elettricità grigionese Repower alla zurighese Axpo e al cantone dei Grigioni.

Alpiq si è anche separata dalla partecipazione in Romande Energie, trasferendo inoltre le proprie società attive nella rete ad alta tensione a Swissgrid. In questo modo, la società ha migliorato lo stato delle proprie liquidità per una somma pari a 512 milioni di franchi. Finora, le cessioni hanno permesso alla ditta di incassare oltre 1,2 miliardi di franchi, denaro che ha permesso di portare l'indebitamento di Alpiq da 4 a 2,2 miliardi.

Tali provvedimenti hanno tuttavia inciso pesantemente sull'organico, che a fine semestre contava 7951 effettivi a fronte dei 11'016 dell'anno precedente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS