Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

AlpTransit San Gottardo SA interrompe le procedure di aggiudicazione della tecnica ferroviaria al Ceneri. Lo fa sapere oggi la stessa società dopo che il Tribunale amministrativo federale (TAF), nello scorso marzo, aveva parzialmente accolto due ricorsi contro altrettanti appalti concernenti la galleria di base. Un nuovo bando di concorso sarà indetto quanto prima. Ancora non è possibile dire se questa decisione provocherà ritardi nella messa in esercizio dell'opera, prevista per dicembre del 2019.

In gioco vi sono i lotti "Armamento ferroviario e logistica" (per un importo di 96 milioni di franchi) e "Tecnica ferroviaria e coordinazione generale" (129 milioni): erano stati affidati nell'agosto del 2013 a due diversi consorzi, ma il TAF ha in parte accolto i reclami di società concorrenti. Sotto accusa era finita in particolare "la valutazione dei criteri d'idoneità delle ditte vincitrici".

Le aggiudicazioni impugnate sono quindi state revocate e rinviate per un nuovo giudizio ad AlpTransit. La società, in base alle nuove considerazioni del TAF, è ora giunta alla conclusione che "neppure i ricorrenti adempiono i requisiti di idoneità".

"Dato che nessun offerente restante nella procedura di aggiudicazione adempie ai criteri d'idoneità ai sensi delle considerazioni del TAF, il Consiglio d'amministrazione di AlpTransit ha deciso il 14 aprile 2014 d'interrompere la procedura di aggiudicazione dell'appalto. Un nuovo bando di concorso verrà indetto appena possibile", afferma un comunicato. "In questo momento non possono essere rilasciate dichiarazioni in merito alla messa in esercizio della Galleria di base del Ceneri nel mese di dicembre 2019".

SDA-ATS