Presto altre banche elvetiche dovrebbero raggiungere un accordo con le autorità USA nell'ambito del contenzioso fiscale ed evitare così un procedimento penale. Lo ha indicato ieri sera la procuratrice incaricata del programma di regolarizzazione Caroline Ciraolo.

"Tenetevi pronti", ha dichiarato alla Reuters la responsabile della divisione delle inchieste fiscali in seno al Dipartimento di giustizia americano, aggiungendo che "molto presto" saranno firmate altre intese.

La settimana scorsa la BSI era stata la prima banca svizzera di categoria 2 a sottoscrivere un accordo di regolarizzazione, in base al quale verserà 211 milioni di dollari (203 milioni di franchi al cambio attuale) per mettere fine alla vertenza con il fisco americano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.