Tutte le notizie in breve

Amazon "sbarca a New York"

KEYSTONE/AP/REED SAXON

(sda-ats)

Amazon sbarca a New York e sceglie il Time Warner Center, a due passi da Central Park e da una delle Trump Tower, per la sua prima libreria newyorkese.

Una scelta non causale che la colloca nel "cuore" dell'industria editoriale e lontano dalle poche e famose librerie, come The Strand a Union Square, sopravvissute al ciclone degli ebook e della stessa Amazon.

Amazon Books, al terzo piano del Time Warner Center, è a distanza ravvicinata dalla Penguin Random House, da Simon & Schuster e da Hachette. Una vicinanza che sembra raffigurare due diverse ere dell'industria dei libri: da una parte la tradizione con i tre colossi editoriali, e dall'altra l'innovazione.

E la libreria di Amazon è proprio questo: i 'Bestseller' vanno in soffitta e lasciano il posto ai libri che hanno ricevuto rating elevati dai lettori, ovvero un punteggio superiore a 4,8 su Amazon.com. La libreria di Jeff Bezos si basa proprio sui 20 anni di dati raccolti su Amazon.com nell'organizzare i libri in vendita, offrendo ai clienti un'esperienza tutta nuova.

I libri sono tutti senza prezzo: per conoscerlo si può usare l'app Amazon sul proprio cellulare o andare a uno degli scanner elettronici presenti nel negozio. Il pagamento è rigorosamente senza contanti. Nella libreria poche sedie e sgabelli, ma ampio spazio ai prodotti per la casa, da Kindle a Echo.

Nei programmi di Amazon c'è l'apertura di una seconda libreria a New York in estate, vicino all'Empire State Building. Non si tratta dei primi esperimenti di Bezos con i negozi "tradizionali": altri sono infatti allo studio in casa Amazon per gli alimentari in modo da consentire al colosso anche di sostituirsi del tutto ai supermercati.

E così mentre a New York apre alla libreria, a Seattle aprono due 'chioschi' per ritirare gli alimentari acquistati online, in quello che è l'ennesimo tentativo di Amaozn di aggredire il mercato da 800 miliardi di dollari degli alimentari. Iniziano intanto a tremare anche le farmacie: Amazon ha chiesto negli Stati Uniti la licenza per vendere anche prodotti farmaceutici.

Amazon continua così a crescere dopo 20 anni, cercando di conquistare nuovi mercati. Venti anni durante i quali ha rivoluzionato le modalità dello shopping, mandando in pensione quello fisico, e si è affermata come quarta azienda per capitalizzazione di mercato nello S&P 500, con un valore che è il doppio di quello di Wal-Mart.

Una corsa al rialzo chiara: un investimento da 10'000 dollari in Amazon 20 anni fa, vale ora 4,9 milioni di dollari, con i titoli del colosso guidato da Jeff Bezos passati da 2 a un passo dai 1'000 dollari.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve