Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora prima di entrare in carica la nuova ambasciatrice americana a Berna, Suzi LeVine, fa parlare di sé: durante la cerimonia di giuramento ha posato infatti la mano sinistra su un lettore di libri elettronici (e-reader), che mostrava una pagina della costituzione americana: precisamente il 19esimo emendamento, che nel 1920 introdusse il diritto di voto delle donne. E nel suo messaggio di benvenuto al paese non sono mancati i saluti in italiano.

La propensione di LeVine per le nuove tecnologie ha subito attirato l'interesse della rete, nonché dei colleghi: un'entrata in carica molto moderna ("very 21st century") ha subito commentato via twitter l'ambasciata americana a Londra. Dovrebbe trattarsi della prima volta, nella storia diplomatica americana, che un ambasciatore giura su un apparecchio elettronico, invece che sulla bibbia o sulla costituzione (di carta).

Suzan "Suzi" LeVine è arrivata ieri a Berna. Come il suo predecessore, Donald Beyer, non è una diplomatica di carriera: ha infatti tra l'altro lavorato per il gigante informatico Microsoft e per l'agenzia online statunitense Expedia. A portarla sulle rive dell'Aare sono stati i suoi contributi alla rielezione del presidente Barack Obama nel 2012: si parla di 1,5 milioni di dollari.

All'arrivo nella sua nuova residenza la 42enne, accompagnata dal marito Eric e dai due figli, è stata accolta da un distaccamento di cinque marines, che ha eseguito l'alza bandiera. La neodiplomatica ha però subito dimostrato di essere a suo agio, salutando il personale dell'ambasciata - stando ai media - con un "Grüezi mitenand".

Anche nel suo messaggio ufficiale visibile su Youtube www.youtube.com/watch?v=S0piSQcom_M LeVine mostra di conoscere la Confederazione e il suo multilinguismo: saluta infatti dapprima con "Grüezi, Bonjour, Buongiorno e Allegra" e finisce poi il video con un "Ciao!". Concretamente intende agire principalmente su tre campi: le relazioni economiche, la sicurezza e la stima reciproca in relazione a cultura, valore e politica.

La nuova ambasciatrice in Svizzera e Liechtenstein è la terza donna ad occupare questo posto: sarà ufficialmente in carica però solo quando avrà presentato le credenziali al presidente Didier Burkhalter e al principe Hans-Adam II.

SDA-ATS